fbpx

Organizzazione delle scuole

L’organizzazione della scuola

La Comunità Educativo-Pastorale

La Comunità Educativo-Pastorale è la forma salesiana di organizzazione di ogni realtà scolastica; essa coinvolge, in clima di famiglia, giovani e adulti, genitori e insegnanti. Si tratta di una comunità con al centro i giovani, protagonisti primari del cammino formativo. I genitori, diretti responsabili della crescita dei figli, partecipano personalmente all’attività della scuola nei momenti di programmazione, revisione educativa e nelle attività di tempo libero. Gli insegnanti creano con i giovani uno “spirito di famiglia”, una comunità di apprendimento, nella quale gli interessi e le esperienze dei ragazzi sono posti a fondamento di tutto il progetto educativo. I collaboratori contribuiscono all’azione educativa attraverso la cura dell’ambiente, lo stile relazionale e il buon funzionamento logistico e organizzativo. La comunità salesiana è garante del servizio educativo, scolastico e formativo. Essa trova nella figura del Direttore il punto di unità e coordinamento. Il Consiglio della Comunità EDUCATIVO-PASTORALE è l’organo che anima e orienta tutta l’azione salesiana con la riflessione, il dialogo, la programmazione e la revisione dell’azione educativo-pastorale.

 

Le strutture di partecipazione e di corresponsabilità

Le strutture di partecipazione e di corresponsabilità mirano a creare le condizioni ideali per una sempre maggiore comunione, condivisione e collaborazione tra le diverse componenti della scuola. Il fine è l’attuazione del Progetto Educativo e del PTOF e la crescita della collaborazione fra insegnanti, alunni e genitori. Sono attivate, ai sensi della legge, secondo la tradizione salesiana, le seguenti strutture di partecipazione:

Il Consiglio d’Istituto

Oltre a una rappresentanza dei docenti, ne fanno parte i genitori risultati primi eletti in ogni classe. Il Consiglio d’Istituto è presieduto dal Direttore. Le funzioni di segretario sono svolte dal Segretario scolastico. I docenti vengono eletti con incarico annuale. Il Consiglio d’Istituto è convocato almeno due volte dal Presidente.

Il Consiglio d’Istituto, fatte salve le competenze del Collegio dei docenti e dei Consigli di classe, esprime un parere per quanto concerne l’organizzazione della vita e delle attività della scuola nelle materie previste dai regolamenti interni.

La Dirigenza Locale

La Dirigenza Locale è un organismo presieduto dal Direttore con la partecipazione del Coordinatore e dei Vicecoordinatori delle attività didattiche ed educative della Scuola secondaria di primo e secondo grado. Il compito di questo organismo di responsabilità è quello di monitorare l’attuazione del PTOF, in stretta sintonia con il Centro di Formazione Professionale, di individuare progetti e prospettive comuni da sottoporre al Direttore al suo Consiglio per le opportune decisioni.

Il Collegio dei Docenti

È composto dal Direttore e da tutti i docenti ed è presieduto e convocato dal Coordinatore delle attività educative e didattiche. Il Collegio dei Docenti collabora attivamente con il Direttore e il Consiglio della CEP all’elaborazione, attuazione e valutazione del Piano dell’Offerta Formativa in piena sintonia con il Progetto Educativo d’Istituto e i regolamenti interni. Altri dettagli sono consultabili sul sito scolastico nella sezione “Regolamento degli organi collegiali”

Il Collegio dei docenti dell’Opera

È composto da tutti i docenti dei tre settori dell’Istituto (Scuola secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado e le FP) divisi per aree tematiche. Si riunisce almeno due volte l’anno con l’obbiettivo di confrontarsi e scambiare prassi, modalità e procedure in merito alle dimensioni fondamentali della professione insegnante.

Il Consiglio di Classe

Il Consiglio di Classe è composto dal coordinatore delle attività educative e didattiche, che lo convoca, e dai docenti della singola classe. Collabora alla realizzazione dei profili educativi e didattici sia della classe sia dei singoli studenti, mediante la programmazione e l’attuazione di Unità di Apprendimento, facendosi portavoce e interprete delle nuove esigenze formative mediante una continua attività di pianificazione, monitoraggio e valutazione. In alcune fasi dell’anno partecipano alle riunioni anche i rappresentanti di classe.

L’Assemblea dei Genitori

Ha il compito di verifica relativamente a problemi e iniziative di ordine generale; può formulare al Consiglio di classe e al Collegio dei docenti proposte in ordine all’attività educativa e didattica.

 

Commissioni, gruppi di lavoro, incarichi particolari

La scuola favorisce il lavoro di gruppo tra insegnanti e mette a disposizione gli spazi adeguati per gli incontri dei docenti. Il collegio dei docenti si articola in commissioni riguardanti specifiche tematiche:

  • Dipartimenti per aree disciplinari: sono articolazioni del Collegio dei docenti funzionali all’elaborazione della programmazione didattica annuale e alla progettazione curricolare. I docenti, suddivisi per aree disciplinari, operano nell’ambito dei contenuti delle discipline e individuano relazioni fra le stesse per predisporre percorsi pluridisciplinari. Stabiliscono obiettivi scanditi per anni di corso, e organizzano contenuti e strumenti per attuare un collegamento fra primo biennio e ultimo o anno. Infine concordano criteri e attività di verifica.
  • Commissione di autovalutazione: è composta dai docenti che annualmente predispongono o aggiornano il Rapporto di autovalutazione (RAV), secondo quanto stabilito da DPR 83/2010, e curano la stesura del piano di miglioramento coordinandone l’attuazione.
  • Commissione PTOF: coordina il lavoro dell’intero Collegio dei docenti relativamente alla predisposizione del Piano triennale dell’offerta formativa.
  • Commissione uscite didattiche: è composta da alcuni docenti che hanno i compiti di organizzare le uscite didattiche e i viaggi d’istruzione proposti dal Collegio dei docenti, in modo tale che siano coerenti con la programmazione curricolare delle classi e contemporaneamente costituiscano esperienze di apprendimento, crescita culturale e formativa, miglioramento egli aspetti relazionali.
  • GLI: è il Gruppo Lavoro per l’Inclusione, composto da un membro per ogni settore scolastico. Si occupa di disabilità e di disturbi specifici di apprendimento, ma anche di tutti quegli alunni che, pur non in possesso di certificazioni, necessitano comunque di attenzioni educative peculiari. Il gruppo ha il compito d predisporre i piani individualizzati e personalizzati e di monitorare la corretta applicazione
  • Ambiti trasversali nell’opera: i docenti di tutto l’Istituto sono suddivisi, per facilitare la condivisione dell’azione educativa e didattica posta in essere nei diversi settori dell’Opera e la realizzazione del curricolo verticale, in sei tavoli di lavoro corrispondenti ad altrettante aree:
    • Tecnologica
    • Matematico-scientifica
    • Storico-sociale
    • Tecnico-professionale
    • Dei linguaggi
    • Lingua inglese
  • Gruppo scientifico: composto da docenti di diversi settori della medesima area didattica, ha il compito di promuovere attività di potenziamento che coinvolgano gli alunni in progetti locali o con altre scuole.
  • Gruppo comunicazioni sociali: composto da membri di vari settori, ha l’obiettivo di promuovere sul territorio l’Istituto e le attività svolte, tenendo i contatti con la stampa locale e i canali di comunicazione istituzionale. Un docente ha l’incarico specifico di referente cyber-bullismo: la legge n. 71/2017 sul cyber-bullismo prevede la figura di un coordinatore delle iniziative di prevenzione e contrasto di cyber-bullismo messe in atto dalla scuola che, a tal fine, può avvalersi della collaborazione delle forze di polizia e delle associazioni e dei centri di aggregazione giovanile del territorio.
La Scuola Salesiana rende attuale il metodo educativo di Don Bosco, il Sistema Preventivo che pone al centro della propria azione la cura del singolo ragazzo, la vicinanza, la presenza e l’accompagnamento formativo nelle diverse fasi del suo cammino di crescita.

Vuoi approfondire?

Verifica le informazioni complete nel piano dell’offerta formativa delle scuole.

Piano Triennale dell’Offerta Formativa

PTOF ITT
2018-2021

Piano Triennale dell’Offerta Formativa

PTOF LICEO
2018-2021

Piano Triennale dell’Offerta Formativa

PTOF MEDIE
2018-2021

Piano dell’Offerta
Formativa

POF CFP
2019-2020